Sezione speciale Start-up

A seguito delle sentenza del Consiglio di Stato n. 2643 del 29 marzo 2021 sono stati dichiarati illegittimi i decreti attuativi che avevano stabilito la possibilità, per le società a responsabilità limitata, start-up innovative, di costituirsi in modo semplificato esclusivamente attraverso mezzi digitali.
Gli atti costitutivi, gli statuti e le successive modificazioni delle società a responsabilità limitata, start-up innovative, predisposti con modello standard digitale la cui firma è stata autenticata ai sensi dell'art. 25 del decreto legislativo n. 82/2005 presso l'Ufficio Assistenza qualificata alle imprese, depositati e iscritti nel registro delle imprese restano validi ed efficaci e le medesime società conservano l'iscrizione nel registro delle imprese come prevede l'articolo 39 septies della legge 29 luglio 2021, n. 108.
Start-up innovative

Le start-up innovative sono società di capitali, costituite anche in forma cooperativa, in possesso dei requisiti previsti dall'art. 25 del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, che hanno per oggetto sociale, esclusivo o prevalente: lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico.

La norma prevede alcuni vantaggi a favore delle start-up innovative (esenzioni, agevolazioni, deroghe e strumenti speciali). Per una panoramica sulle misure di sostegno si invita a consultare il sito del Ministero dello sviluppo economico alla pagina dedicata alle start-up innovative.

Informazioni sugli incentivi rivolti alle start-up innovative sono contenute anche nella sezione Competitività imprese.

Per usufruire dei benefici previsti, le società in possesso dei requisiti indicati al predetto articolo, devono iscriversi nella sezione speciale del registro imprese riservata alle start-up innovative, presentando apposita domanda.

A seguito della prima iscrizione nella sezione speciale, entro i trenta giorni successivi, le start-up innovative devono completare il proprio profilo personalizzato o la vetrina sul portale startup.registroimprese.it.

Le start-up innovative iscritte nell'apposita sezione hanno l'obbligo di:

  • aggiornare o confermare le informazioni della propria start-up, comunicate in sede di iscrizione sul portale startup.registroimprese.it, almeno una volta all'anno, prima del deposito al registro delle imprese della dichiarazione annuale di possesso dei requisiti;

  • depositare al registro delle imprese la dichiarazione annuale di possesso dei requisiti inviando apposita istanza. La dichiarazione deve essere presentata al registro delle imprese entro 30 giorni dall'approvazione del bilancio e comunque entro 6 mesi dalla chiusura di ciascun esercizio. Nel caso di società che, ai sensi del secondo comma dell'articolo 2364 del codice civile, prevedano un termine di 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio per la convocazione dell'assemblea chiamata ad approvare il bilancio, il termine è portato a 7 mesi.

La dichiarazione di possesso dei requisiti è collegata al bilancio annuale d'esercizio, che deve essere approvato e depositato al registro delle imprese prima della dichiarazione annuale, per la verifica dei requisiti confermati con la suddetta dichiarazione.

Per le start-up innovative che vantano come requisito le spese in ricerca e sviluppo, è obbligatorio dettagliare tali spese nella nota integrativa oppure, se il bilancio è presentato con le modalità previste per le micro-imprese, nel campo di testo libero denominato «Informazioni relative a startup, anche a vocazione sociale, e PMI innovative», dando evidenza degli importi, delle voci di bilancio in cui esse sono contenute, e del calcolo richiesto per il raggiungimento della percentuale prevista dalla normativa, al fine di documentare il suddetto requisito.

La mancata compilazione del “profilo” o della “vetrina” della propria start-up sul portale startup.registroimprese.it comporta il blocco della procedura per il deposito al registro delle imprese della dichiarazione di possesso dei requisiti.

La mancata presentazione della dichiarazione di possesso dei requisiti, nei modi e nei tempi sopra indicati, comporta la cancellazione d’ufficio dalla sezione speciale e la conseguente perdita di benefici ed esenzioni.

Sul portale startup.registroimprese.it sono disponibili la guida sintetica, contenente tutte le informazioni sulle start-up innovative, e il modello di dichiarazione di possesso dei requisiti di start-up innovativa.

Per le società neo costituite che vantano come requisito le spese in ricerca e sviluppo, queste ultime devono risultare da una dichiarazione resa dal legale rappresentante oppure dal bilancio preventivo (c.d. business plan), sottoscritti digitalmente e allegati all'istanza di iscrizione in formato .PDF/A. La dichiarazione deve contenere una previsione dettagliata delle spese in attività di ricerca e sviluppo, che devono essere espresse sia in valore assoluto sia in percentuale rispetto al costo e valore totale della produzione.

Le istruzioni sugli adempimenti amministrativi (costituzione, iscrizione nella sezione speciale, comunicazioni periodiche, cancellazione dalla sezione speciale) sono reperibili consultando il Supporto Specialistico.

"Wake up start up" è la rete delle start-up innovative per una "gestione smart" dell'impresa che circolarizza le informazioni e novità di interesse ed è strumento di collegamento per nuove collaborazioni e condivisione di idee imprenditoriali.  
Alle imprese start-up innovative iscritte vengono rilasciati strumenti digitali quali la firma digitale remota, lo SPID, il cassetto digitale dell'imprenditore, la fatturazione elettronica.
Per iscriversi alla rete il link è: https://bspo.preview.infocamere.it/contatti/iscrizione-newsletter, indicando nel campo categoria*: "Start-up innovative".
Ultima modifica
Mer 01 Giu, 2022